XV° Lezione: Il CBD che cura la permeabilità intestinale


Nell’ultima lezione abbiamo visto il nostro sistema endocannabinoide e la sua importanza per la nostra salute, ora cerchiamo di capire come lo riattiviamo per poterlo utilizzare per ripristinare la nostra omeostasi.

Quindi unitamente ai raggi infrarossi lontani utilizzeremo contestualmente il cannabidiolo al fine di poter godere delle sinergie che potranno derivare dall’incontro di queste molecole ubiquitarie che si troveranno nello stesso posto nello stesso momento per risolvere il problema.

Nelle precedenti lezioni abbiamo letto come i FIR risolvono naturalmente l’infiammazione tramite la produzione di NO, monossido di azoto, ora vedremo l’azione sinergica attivata dal CBD.

La patogenesi di molti disturbi intestinali comporta interazioni tra alterazioni della permeabilità intestinale e agenti esterni, come batteri, tossine e antigeni estranei, nonché prodotti secretori della mucosa stessa, come citochine e fattori di crescita.

È opinione diffusa che la barriera intestinale diventi disfunzionale in alcuni stati patologici, esponendo potenzialmente l'organismo a rischio letale permettendo al materiale tossico di entrare nel sistema venoso e linfatico portale e quindi minacciare l'organismo nel suo insieme.

La malattia infiammatoria intestinale è accompagnata da una ridotta funzione di barriera epiteliale nell'intestino tenue e crasso.

Ciò ha due conseguenze, in primo luogo contribuire alla diarrea mediante un meccanismo di flusso di perdite e, in secondo luogo, perpetuare l'infiammazione attraverso un aumento dell'antigene luminale e assorbimento macromolecolare.

È stato stabilito un ruolo per il sistema endocannabinoide usando inibitori della sintesi e degradazione degli endocannabinoidi.

Il CBD accelera il recupero dall'aumentata permeabilità indotta dalle citochine, è un effetto sensibile all'antagonismo del recettore CB1.

Anandamide e 2-AG hanno aumentato ulteriormente la permeabilità in presenza di citochine, questo effetto è anch’esso sensibile all'antagonismo CB1.

Quindi il CBD o altri antagonisti del CB1 con le citochine hanno migliorato il loro effetto sulla permeabilità.

In pratica inibendo la degradazione degli endocannabinoidi abbiamo un peggioramento, mentre inibendo la sintesi di endocannabinoidi abbiamo un’attenuazione della maggiore permeabilità associata all'infiammazione.

Questo significa che gli endocannabinoidi prodotti localmente, che agiscono attraverso i recettori CB1 svolgono un ruolo nel mediare i cambiamenti nella permeabilità con l'infiammazione e che il CBD derivato dalla cannabis ha un potenziale terapeutico per invertire la permeabilità intestinale associata all'infiammazione.

Il CBD è quindi utile per trattare vari disturbi del tratto gastrointestinale, come vomito, anoressia, dolore addominale, gastroenterite, diarrea, infiammazione intestinale e gastroparesi diabetica.

La presenza di un sistema endocannabinoide funzionale è stata identificata nell'intestino e i recettori CB1 sono espressi in tutto il tratto gastrointestinale.

Inoltre studi immunoistochimici indicano che il sistema nervoso enterico è il sito principale dell'espressione dei recettori CB1 e potrebbe essere di conseguenza il sito principale di azione per i cannabinoidi nel tratto gastrointestinale.

La capacità del CBD di modulare la permeabilità intestinale durante il processo infiammatorio è importante per ripristinare una barriera paracellulare a giunzione stretta che perde, sono le Tight Junction che hanno la funzione di barriera.

Quindi gli effetti benefici dei cannabinoidi in condizioni infiammatorie nell'intestino sono in grado di modulare la permeabilità intestinale alterata.


CONTATTACI

Follow us

​© 2019 AGRI LAB SS AGRICOLA

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • LinkedIn - White Circle