Sistema Endocannabinoide = in medio stat virtus = Omeostasi


Molte persone consumano cannabis per il suo effetto psicoattivo, alcuni perché cercano sollievo.


Indipendentemente dal motivo per cui la consumano, la cannabis non avrebbe avuto nessuno sballo né alcun beneficio terapeutico se il nostro organismo non avesse avuto un sistema biologico in grado di interagire con i composti chimici della pianta.


È proprio il nostro Sistema Endocannabinoide che lo fa.


Ma non esiste solo per godersi la vostra varietà preferita, adempie una missione vitale per la nostra salute e il benessere perché regola gli aspetti chiave della nostra biologia.


Pochissimi hanno idea di cosa sia, cosa fa, come funziona e perché è lì.


Per comprendere il SEC umano, diventa necessaria una rapida rassegna di uno dei concetti più importanti in biologia: l’omeostasi.


I latini dicevano che in medio stat virtus: la virtù è nel mezzo tra due estremi.


Questo è l'omeostasi: ogni sistema biologico è programmato per mantenere le sue condizioni all'interno di un intervallo di valori preimpostati.


In altre parole, il nostro corpo non vuole che la sua temperatura sia troppo calda o troppo fredda, né che i suoi livelli di zucchero siano troppo alti o troppo bassi: le condizioni devono sempre essere equilibrate in modo che le nostre cellule mantengano prestazioni ottimali.


Il nostro SEC è un sistema molecolare pensato per mantenere l'omeostasi, cioè che le nostre condizioni vitali non si sbilanciano e rimangono in equilibrio.


Dato il suo ruolo cruciale nell'omeostasi, il SEC si trova in tutti animale di tutte le specie ed i suoi componenti principali sono:


  • Recettori cannabinoidi sulla superficie delle nostre cellule

  • Endocannabinoidi, piccole molecole che attivano i recettori

  • Enzimi metabolici, che rompono gli endocannabinoidi dopo l'uso


I recettori dei cannabinoidi si trovano sulla superficie delle cellule e ricevono a condizioni esterne alla cellula.


Hanno il ruolo di trasmettere all'interno della cellula delle informazioni circa il cambiamento nelle condizioni esterne alla cellula, permettendo una risposta cellulare appropriata e immediata.


Ci sono 2 principali recettori cannabinoidi: CB1 e CB2 e sono entrambi sono presenti in tutto il nostro organismo.


I recettori CB1 sono i più abbondanti nei nostri sistemi nervosi centrali, specialmente nei neuroni cerebrali e interagiscono direttamente con il THC generando il tipico Loony, e i recettori CB2 che abbondano al di fuori del nostro sistema nervoso, principalmente nel nostro sistema immunitario.


Ci sono 2 endocannabinoidi principali: anandamide e 2-AG e sono prodotti da molecole presenti nelle membrane cellulari e sono sintetizzati su richiesta e prodotti e utilizzati solo quando necessario.


Gli enzimi metabolici distruggono rapidamente gli endocannabinoidi una volta che sono stati utilizzati: FAAH, è incaricato di distruggere l'anamide, mentre MAGL è dedicato a rompere il 2-AG.


Questi enzimi permettono agli endocannabinoidi di essere utilizzati quando necessario, non più del necessario.


Questa caratteristica differenzia gli endocannabinoidi da molti altri segnali molecolari nei nostri corpi, come gli ormoni classici e i neurotrasmettitori, che possono persistere più a lungo, essere confezionati e conservati per un uso successivo.


Quando qualche fattore trasporta la cellula fuori dal suo stato di equilibrio, il SEC ristabilisce le condizioni cellulari mantenendo così la fisiologica omeostasi.


Per comprendere questi concetti in modo tangibile, considereremo due esempi di come il SEC aiuta a mantenere l'omeostasi biologica: i segnali dei neuroni nel sistema nervoso e la risposta infiammatoria del sistema immunitario.


Le cellule cerebrali, neuroni, comunicano inviando segnali elettrochimici tra di loro.

Ogni neurone deve ricevere il segnale dal proprio partner per poi decidere se autorizzare l’invio del proprio.


I neuroni non devono ricevere degli input inadeguati, perché se i neuroni ricevono un sovraccarico di segnali, questo può diventare tossico.


È proprio qui che entra in gioco il SEC: consideriamo lo scenario esemplificato dove un neurone sta ricevendo segnali da un altro neurone, uno di questi due diventa iperattivo e inizia a inviare troppi segnali al neurone ricevente.


In questo caso, il neurone ricevente produce endocannabinoidi nel sito di connessione con il neurone iperattivo.


Questi endocannabinoidi si trasferiranno al neurone di invio, connettendosi con i recettori CB1 dando istruzioni di trasmettere meno segnali.


Questo permette di ripristinare le condizioni iniziali e di mantenere l'omeostasi.

In questo caso, gli endocannabinoidi permettono al neurone ricevente di regolare la quantità di input che riceve inviando segnali al neurone che sta inviando troppe informazioni.


Ovviamente il cervello non è l'unico organo che ha bisogno di mantenere l'omestasi: ogni sistema complesso del nostro organismo, da quello digerente a quello immunitario, necessita di un'attenta regolazione delle cellule e del loro funzionamento.


L'omeostasi è cruciale per garantire la nostra sopravvivenza.


L'infiammazione è una reazione di protezione naturale che il nostro sistema immunitario avvia in risposta a un'infezione o a danni fisici.


L'obiettivo di un'infiammazione è quello di eliminare i patogeni dai tessuti danneggiati.


Un'area infiammata viene generata producendo fluidi in modo che le cellule immunitarie possano raggiungere l'area di lavoro e ripristinarne l'equilibrio.


È importante che l'infiammazione sia limitata al sito danneggiato e non persista più a lungo del necessario per non causare più problemi: le infiammazioni croniche e le malattie autoimmuni sono esempi di un sistema immunitario attivato in modo inadeguato.


In generale, gli endocannabinoidi sopprimono o limitano i segnali infiammatori del sistema immunitario, per esempio consideriamo una risposta immunitaria normale originata da un'infezione batterica.


In primo luogo, le cellule immunitarie rilevano la presenza di batteri e sparano molecole proinfiammatorie che avvertono le altre cellule immunitarie di unirsi alla battaglia.


Allo stesso tempo, sono anche rilasciati endocannabinoidi per segnalare ad altre cellule immunitarie la necessità di assistenza e limitare la risposta infiammatoria in modo che non sia eccessiva.


Regolando attentamente l'infiammazione, il sistema immunitario può distruggere i germi, rimuovere i tessuti danneggiati e poi fermarsi.


Questa azione permette all'infiammazione non essere eccessiva consentendo prima alle cellule, e poi a tutto il corpo, di tornare ad una condizione di omeostasi.

Riassumendo: il SEC composto da recettori della canapa, molecole endocannabinoidi ed enzimi metabolici, è un sistema molecolare fondamentale che il nostro corpo utilizza per mantenere la sua omeostasi.


Grazie al suo ruolo vitale che permette alle cellule di rimanere nel loro stato fisiologico, il SEC è finemente regolato e si attivata quando e dove necessario.

Senza dubbio sapere di avere un aiuto come il SEC che lavora per la nostra omeostasi a livello cellulare ci permette di farci un’idea su come una terapia a base di CBD possa essere efficace.

CONTATTACI

Follow us

​© 2019 AGRI LAB SS AGRICOLA

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • LinkedIn - White Circle