Fibromialgia nuove ricerche


Ci sono molte persone che si chiedono se la fibromialgia sia una malattia autoimmune, cerco di rispondere nella maniera più scientifica e oggettiva possibile.


I risultati delle ultime ricerche scientifiche aggiornate a marzo 2020 dicono:


La fibromialgia è una condizione caratterizzata da dolore muscoloscheletrico diffuso cronico, affaticamento, disturbi cognitivi, sintomi psichiatrici e multipli somatici spesso accompagnano il disturbo.


La fibromialgia ha un'eziologia sconosciuta e una fisiopatologia incerta, non ci sono prove di infiammazione dei tessuti nonostante i sintomi del dolore dei tessuti molli.

La fibromialgia è un disturbo della regolazione del dolore come suggerito dalle ricerche in corso e spesso si classifica come una forma di sindrome di sensibilizzazione centrale.


Oggi la fibromialgia è considerata un disturbo neurosensoriale in cui l'individuo non è in grado di elaborare il dolore nel cervello.


A volte si dice erroneamente malattia autoimmune perché il profilo clinico della fibromialgia mostra una forte sovrapposizione con alcune malattie autoimmuni.


Nella fibromialgia, lo stress fisico o mentale può costituire un fattore scatenante o una conseguenza piuttosto che una causa, simile alla situazione nelle malattie autoimmuni.


Lo stress può debilitare il sistema immunitario e consentire la riattivazione di un'infezione latente che può causare neuroinfiammazione o neuropatia e facilitare fenomeni autoimmuni.


Tuttavia, diversi dalla maggior parte delle malattie autoimmuni, i comuni marker sierici di infiammazione rientrano nel normale intervallo della fibromialgia.


Alla luce di quanto avrete letto mi sembra abbastanza chiaro come si deve intervenire per lenire i dolori dati da questa sindrome.


Se qualcuno ha dei dubbi mi contatti pure.

CONTATTACI

Follow us

​© 2019 AGRI LAB SS AGRICOLA

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • LinkedIn - White Circle