Artrite Reumatoide Autoimmune


L'artrite reumatoide (AR) è l'artropatia infiammatoria più comune in tutto il mondo.

È una malattia autoimmune cronica, complessa ed eterogenea caratterizzata dalla presenza di un'infiammazione di lunga durata delle articolazioni diarthrodiali con conseguente poliartrite simmetrica e ipertrofia della membrana sinoviale con danno articolare progressivo, distruzione di ossa e cartilagini e deformità.

Il compromesso autoimmune è sistemico, portando a manifestazioni extra-articolari con comorbilità frequenti.

Pertanto, disabilità, compromissione della qualità della vita e la mortalità prematura, che è due volte quella della popolazione generale, caratterizzano la malattia.

La previsione del rischio AR è una delle maggiori sfide della medicina personalizzata e usa interazioni gene-ambiente, misure citochine, e la rilevazione di autoanticorpi.

L'AR non solo compromette le articolazioni, ma coinvolge anche altri organi e ha un impatto negativo sulla sfera biopsicosociale e le manifestazioni cliniche sono divise in manifestazioni articolari e sistemiche.

I pazienti presentano comunemente dolore e rigidità in più articolazioni, sebbene un terzo dei pazienti inizialmente presenti sintomi in una sola posizione o in alcuni siti sparsi.

Nella maggior parte dei pazienti, i sintomi emergono da settimane a mesi, a partire da un'articolazione e spesso accompagnati da sintomi prodromici di anoressia, debolezza o affaticamento.

La debolezza è generalmente proporzionata al dolore e possono insorgere febbre di basso grado, affaticamento, malessere e altri disturbi sistemici, specialmente in una presentazione acuta.

Il trattamento dell'AR è diretto al controllo della sinovite e alla prevenzione delle lesioni articolari.

La scelta delle terapie dipende da diversi fattori, tra cui la gravità dell'attività della malattia quando viene iniziata la terapia e la risposta del paziente a precedenti interventi terapeutici.

I principi comuni che guidano le strategie di gestione e la scelta degli agenti sono stati derivati ​​da una maggiore comprensione della malattia e da prove di studi clinici e altri studi.

Queste strategie includono approcci diretti al raggiungimento della remissione o alla bassa attività della malattia mediante un controllo più rapido e sostenuto dell'infiammazione.

Le scelte tra le opzioni di trattamento si basano su molteplici fattori, tra cui: livello di attività della malattia, stadio della terapia, restrizioni normative e preferenze del paziente.

Normalmente si utilizza una combinazione dei seguenti tipi di terapie:

Farmaci antinfiammatori ad azione rapida, inclusi FANS sistemici e GC intra-articolari, che offrono sollievo affidabile ma limitato di dolore, gonfiore e rigidità, migliorando la qualità della vita nella maggior parte dei casi.

Tuttavia, gli effetti collaterali sono comuni ed è necessaria l'educazione del paziente e la combinazione di FANS dovrebbe essere evitata.

I FANS COX-2 selettivi hanno un'efficacia simile al diclofenac o al naprossene e possono essere utili nei pazienti che non tollerano i FANS COX-1.

Tuttavia, molti di questi farmaci sono stati ritirati dal mercato a causa delle preoccupazioni relative agli inibitori della COX-2 e all'aumento dei rischi cardiovascolari.

Tutti i pazienti con diagnosi di AR iniziano la terapia DMARD il prima possibile. La scelta della terapia farmacologica iniziale dipende dal grado di attività della malattia.

Per quanto riguarda la terapia steroidea, dovrebbe essere iniziata con una dose di riduzione titolata alla risposta del paziente e agli effetti collaterali.

Nonostante i progressi nella terapia farmacologica per la AR, molti pazienti continuano a sperimentare una certa attività di malattia in corso e la conseguente disabilità.

Sebbene le misure volte a identificare la malattia attiva precoce e il controllo dell'infiammazione siano essenziali, la malattia stessa e i farmaci usati per il trattamento possono contribuire ad aumentare i rischi di comorbilità.

Un programma di gestione completo per la AR include l'educazione del paziente, esercizio fisico e il riposo, gli interventi psicosociali, la terapia fisica e occupazionale, la consulenza nutrizionale e dietetica.

Il programma di gestione comprende anche interventi per ridurre i rischi cardiovascolari e osteoporosi e immunizzazioni per ridurre il rischio di complicanze infettive nelle terapie immunosoppressive.

Noi continuiamo ad intravedere queste terapie farmacologiche a vita troppo invalidanti e pericolose, con troppi effetti collaterali e interazioni.

Qui di seguito dimostriamo come una terapia medica naturale possa non solo essere più sicura ma anche più incisiva di quella farmacologica senza ovviamente inibirne l’accesso nel prosieguo della vita.

Le evidenze scientifiche sono in relazione a tutti e 4 gli step: Calore, FIR, NO e CBD.

https://arthritis-research.biomedcentral.com/articles/10.1186/ar2464 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18685882 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4935255/ https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11034770 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4851925/ https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2828614/#S9title https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5690292/#s5title

5 views0 comments

Recent Posts

See All