I° lezione: Bolla gastrica


Come prima lezione ho pensato di restare sul semplice non addentrandomi ancora nei meandri più complessi dei tessuti epiteliali e dei meccanismi di difesa a protezione delle nostre mucose, quindi iniziamo a comprendere come agisce la bolla gastrica.


In pratica è una bolla d’aria sempre presente fisiologicamente nel fondo dello stomaco che si trova a contatto col diaframma e quindi indirettamente con il cuore.


Quando la quantità di aria nella bollaaumenta viene eliminata attraverso il cardias e confluendo nell’esofago produce il cosiddetto rutto.


Quando questa bolla non trova sfogo aumenta di volume e comprimendo la regione cardiaca altera la funzionalità del cuore producendo gonfiore addominale, tachicardia, extrasistoli e oppressione toracica che tanto allarmano i pazienti.


In realtà tali sintomi sono di natura prettamente funzionale e non sono per nulla pericolosi perché non indicano nessun malfunzionamento cardiaco.


Spesso la bolla d’aria non espulsa si associa a bruciore dello stomaco e acidità che sono i sintomi classici del reflusso gastroesofageo di cui tratteremo nei prossimi post.

CONTATTACI

Follow us

​© 2019 AGRI LAB SS AGRICOLA

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • LinkedIn - White Circle